Sei uno Psicologo?

Scopri come essere visibile su questa e su altre directory

Cerca lo Psicologo
Dr.ssa Anna Loretta Spano
Dr.ssa Anna Loretta Spano

Via Pierluigi da Palestrina, 60 - CAGLIARI (Cagliari)

Cel: 328 2098007

Consento il trattamento dati Legge n. 196/03.*

Dr.ssa Elena Venturelli
Dr.ssa Elena Venturelli

c/o Studio Re-Working, Piazzale Guglielmo Marconi, 3 - 42121 REGGIO EMILIA (Reggio Emilia)

Cel: 339 6957331

Consento il trattamento dati Legge n. 196/03.*

Dr.ssa Federica Giuli
Dr.ssa Federica Giuli

Via Podgora, 5/A - BOLOGNA (Bologna)

Cel: 347 2332333

Consento il trattamento dati Legge n. 196/03.*

Psicoterapie a confronto, in cosa differiscono?

La psicoterapia ha gradualmente assunto sempre maggiore specificità e importanza. Non tutti sanno, però, che la psicoterapia non è un intervento univoco ma che ne esistono differenti tipi, variabili non solo in base al campo d'azione (adolescenti, bambini, etc) e alla modalità (terapia individuale, terapia di coppia, etc.) ma sopratutto in riferimento a modelli teorici diversi.

Possiamo distinguere perciò, tra le principali, le psicoterapie seguenti:

  • psicoterapia psicoanalitica : secondo questo orientamento il sintomo manifestato dal paziente è il risultato e l'espressione di un conflitto presente a livello inconscio tra le strutture endopsichiche (Es, Io,Super-Io) e che viene compensato attraverso meccanismi di disfesa (rimozione, negazione etc). Lo psicoterapeuta aiuta il paziente a fare riemergere e a rielaborare il conflitto che è alla base del suo disagio
  • sistemico-relazionale :il soggetto portatore del sintomo è considerato uno degli elementi del sistema-famiglia. Lo psicoterapeuta interviene sulle dinamiche disfunzionali presenti tra i vari membri del gruppo. Questo tipo di psicoterapia è stata introdotta in Italia negli anni '80 e trova specifica applicazione nei centri per i tossico-dipendenti e nelle problematiche familiari conseguenti a separazioni e divorzi
  • cognitivo-comportamentale : questo modello di psicoterapia è fondato sul criterio che il sintomo deriva da un apprendimento e di schemi comportamentali disadattivi e che si struttura nel tempo consolidando le strutture cognitive ovvero le convinzioni del soggetto attraverso rinforzi. Il ruolo dello psicoterapeuta è quello di intervenire su questi schemi appresi disfunzionali operando a seconda dei casi un condizionamento o un decondizionamento. Strumenti specifici psicologici sono la tecnica del rôle playing e la ristrutturazione cognitiva. La psicoterapia cognitivo-comportamentale trova particolare applicazione nel trattamento delle fobie
  • analisi-transazionale: questo tipo di approccio psicoterapico parte dal concetto che l'Io sia formato da tre strutture o stati: il genitore, l'adulto e il bambino. Viene dato particolare valore alla comunicazione tra le persone e ne vengono analizzate le caratteristiche. Ogni comunicazione può essere considerata come uno scambio (transazione) tra due stati diversi o omologhi e avviene su due livelli che hanno un'influenza reciproca: il contenuto e la forma. Gli stati dell'Io possono avere connotazioni positive o negative se favoriscono o ostacolano la conquista dell'autonomia psicologica dell'individuo.

Valid XHTML 1.0 Transitional   CSS Valido!

Sei uno Psicologo? Per la tua pubblicità Clicca Qui

Questo sito fa uso di cookie. Per saperne di più leggi l'informativa

OK